I 6 passi per trasformare l’energia della tua Rabbia
in Potenza rigenerativa

 

Solo chi ha il coraggio di scrivere la parola fine,
può trovare la forza per scrivere la parola inizio.

(Detto Zen)

 

Se la tua mente fosse un computer, nel tuo hard disk ci sarebbero programmi installati che determinano il modo in cui tu funzioni nel mondo. Esisterebbero programmi e comandi sul tuo comportamento sul lavoro, su come vivere la tua relazione di coppia e la sessualità, su come guardare a te stesso e al tuo corpo, su come reagire a tua madre, insomma….su ogni cosa!

Ora la domanda per te è questa:
se tu potessi entrare nel tuo personale hard disk per distruggere quelle componenti che non ti fanno funzionare come vorresti, cosa elimineresti?
Quali programmi vorresti disinstallare per poterne poi installare di nuovi e più utili per te?

Come recita il detto Zen con cui abbiamo aperto questo post, per iniziare qualcosa di nuovo bisogna mettere una fine a ciò che è stato finora. Detto in altre parole bisogna distruggere per ricreare!
Sì, caro amico o cara amica, la “distruttività” è una parte essenziale del cambiamento e oggi vogliamo farti considerare un modo insolito di intendere questa forza, che generalmente viene giudicata e respinta.

 

Come solitamente intendiamo l’essere distruttivi

digital divide conceptForse anche tu quando pensi alla tua parte distruttiva fai contatto con le situazioni in cui hai provato rabbia e l’hai espressa.
Magari dopo che ti sei sentito ferito, giudicato, o trattato come non volevi, hai reagito alzando la voce e scagliando la tua ira su chi avevi di fronte. Possono esserti uscite parole e gesti di cui non vai fiero e che in realtà non volevi esprimere.

La nostra forza distruttiva nel 99% dei casi si esprime contro gli altri e contro noi stessi.
Ci arrabbiamo e con le parole feriamo i sentimenti altrui (ne ferisce più la lingua che la spada, dicevano i latini), giudichiamo e feriamo noi stessi con sensi di colpa e auto-critiche.
Spesso dare sfogo a questo lato distruttivo, presente in tutti noi, ci porta solo a raccogliere i cocci di sogni e relazioni che abbiamo messo molto tempo a costruire [se vuoi imparare a gestire l’onda emotiva della rabbia in un modo più funzionale leggi qui ].

Insomma, questa forza esiste e per la maggior parte la viviamo e usiamo contro i nostri stessi interessi.

E se ci fosse un lato profondamente positivo in tutto questo?
E se la forza distruttiva esistesse in realtà per mostrarti la tua Potenza?
Se la forza distruttiva che hai fosse la prova che puoi essere veramente potente
ed esprimesse l’energia a cui puoi attingere per cambiare le cose che non vanno come vuoi
e liberarti da ciò che ti limita?

Come sarebbe?
Ti piacerebbe capire come fare?

Ti proponiamo di abbracciare questo diverso punto di vista, almeno per un po’, e… stai tranquillo…facendoti rivalutare l’ira e la rabbia come potenza non vogliamo certo invitarti a dare pieno e libero sfogo ai tuoi istinti aggressivi e riversarli su chi hai vicino.
Non è questo il nostro intento! 😉

Qual è la differenza tra distruttività negativa e distruttività rigeneratrice?

Per scoprire il lato rigenerativo della tua forza annientatrice c’è un piccolo fondamentale spostamento da fare, che riguarda l’oggetto della tua rabbia. La tua forza demolitrice non va espressa e usata contro gli altri o te stesso!
Pensa solo per un attimo a cosa succederebbe se quella stessa rabbia colpisse invece proprio i pensieri, i giudizi, i punti di vista che ti portano ad essere arrabbiato con gli altri o con te stesso!

Come sarebbe distruggere i tuoi punti di vista limitati su di te e sul mondo, i tuoi auto-giudizi, i tuoi programmi disfunzionali e sabotanti?
Ti piacerebbe attingere alla tua potenza distruttrice per rinnovare costantemente la tua vita e cambiare quegli aspetti che non ti piacciono?

Come distruggere per rigenerare?

Se vuoi imparare come trasformare la rabbia distruttiva in potenza rigenerativa, segui questi 6 passi:

  1. Riporta alla mente una situazione che di recente ti ha fatto arrabbiare con te stesso o con una persona importante della tua vita.
  2. Individua quali convinzioni e credenze sono alla base dell’emozione
    (ad esempio potrei aver pensato a ieri sera quando il mio partner è arrivato in ritardo al nostro appuntamento e questo mi ha mandata su tutte le furie. Il pensiero alla base che ha scatenato l’ira è “mi manca di rispetto”).
    Altri esempi possono essere:
    − sono arrabbiato con me stesso perché non ho concluso quel progetto.
    Convinzione: sono un inconcludente / sono lento.
    − sono arrabbiata con me stessa perché non ho un uomo accanto.
    Convinzione: non sono capace di far funzionare una relazione /non piaccio.
    − sono adirato con i miei genitori perché mi impongono le loro scelte.
    Convinzione: i miei genitori non considerano i miei bisogni / non posso permettere a me stesso di fare scelte diverse dalle loro.
  3. Renditi conto che ognuna delle convinzioni che hai elencato è proprio il programma che determina la tua reazione di rabbia/fastidio e concorre in questo modo a definire la realtà che vivi.
  4. Riconosci che ognuna di queste convinzioni – programmi che limitano la tua vita – l’hai CREATA e installata tu o comunque hai permesso che qualcun altro lo facesse, credendoci e prendendola come una verità!
  5. Dopo che hai visto e capito tutto questo ecco venire il punto molto interessante: lo sai che così come tu hai creato queste convinzioni puoi anche distruggerle? Semplicemente fai questa scelta volontaria. Rivolgi tutta la tua rabbia e forza distruttiva per smantellare queste credenze, affermandolo e dichiarandolo a te stesso: “Scelgo di distruggere tutto questo”.
    Puoi simbolicamente svolgere questa fase scrivendo la convinzione su un foglio che poi decidi di stracciare.
  6. Ora fatti queste domande: “quale potrebbe essere una diversa possibilità/spiegazione/convinzione da vedere qui?” oppure “quale nuovo punto di vista più funzionale, che mi porta a stare meglio, posso scegliere qui?”

Ed eccoci giunti all’esercizio di questa settimana:


  • Per 7 giorni a partire da oggi prendi nota delle situazioni che ti fanno arrabbiare.
  • Applica il modello in 6 passi ad ogni situazione, rintracciando la convinzione alla base dell’emozione, distruggendola e trovando infine un punto di vista diverso, che ti fa stare meglio.
  • Nota come cambiano i tuoi stati d’animo grazie a questa pratica.
  • Nota anche come si modificano le relazioni con le persone verso cui hai provato rabbia e quali nuove possibilità nascono.

I temi della potenza distruttrice e la capacità di mettere una fine a ciò che ti limita per generare un nuovo inizio, appartengono all’archetipo del Distruttore.

Se vuoi un aiuto concreto per rafforzare la tua capacità di convogliare la tua Potenza e disinstallare i programmi disfunzionali della tua vita consulta la nostra pagina di Counseling e Coaching e chiamaci per prenotare un incontro.

Ti è piaciuto questo articolo?
Lascia il tuo commento e raccontaci gli effetti che ha avuto su di te l’esercizio di distruzione.

 

Ti piacciono i nostri contenuti? Aiutaci a diffonderli!