Festeggiarsi è la garanzia per avanzare nel tuo Viaggio, e godertelo!

 

Nel viaggio verso la prosperità sono tante le lezioni che hai imparato.
Formulare i tuoi desideri, lasciare andare convinzioni nocive, nutrire la tua mente di pensieri generativi, impegnarti, imparare dagli errori, rischiare, continuare a migliorarti…

Tutti passi necessari. Tutti tasselli di un puzzle più grande che riguarda il tuo nuovo modo di guardare alla prosperità e al denaro.

E immaginiamo che nel viaggio in cui ti abbiamo accompagnato attraverso gli articoli dedicati al tema della Prosperitàdei soldi e dell’abbondanza nella vita, tu abbia registrato anche dei piccoli o grandi successi, dei momenti in cui, forse non esattamente nel modo in cui inizialmente lo avevi immaginato, sei riuscito ad ottenere qualcosa.

Riporta alla tua mente quei momenti.

E poi rispondi alle prossime domande, che sono il fulcro di questo post e racchiudono una nuova e fondamentale lezione.

 

Quante volte hai festeggiato i tuoi traguardi?

 

In quali e quante occasioni puoi riconoscere di aver esplicitamente celebrato il tuo successo?

 

Festeggiarsi è tanto importante quanto impegnarsi.

E’ l’altra metà del cielo, quella rigenerante, quella che nutre le energie che hai profuso nella fase di sforzo.

Ogni energia ha bisogno di essere ricaricata per dare il suo meglio, e così il nostro fronte “attivo” del fare ha bisogno del suo corrispettivo “passivo” del festeggiare per continuare a funzionare con efficienza.

 

Eppure spesso ci è difficile concederci un premio, sentire nel profondo di meritare ad esempio una pausa di relax o qualsiasi altra condizione in cui possiamo concretamente godere del frutto delle nostre fatiche.

Se è così anche per te sappi che sei in buona compagnia e che c’è una ragione per questo.

Culturalmente siamo portati a concentrarci molto di più sul “dovere” che sul “piacere.

Siamo stati educati a non auto-incensarci e che lodarsi è sbagliato. Paradossalmente lamentarsi delle difficoltà e degli insuccessi sembra essere maggiormente accettato a livello sociale che non il riferire i successi, ed è quasi motivo di vanto. A volte nelle conversazioni quotidiane pare che le persone facciano a gara su chi ha più sfortune.

 

E invece – purtroppo – quello che va bene viene taciuto, quasi potesse suscitare l’altrui invidia ed essere segno invece di una sana modestia. La parte più sconcertante di tale dinamica è che questo non succede solo con gli altri ma anche con noi stessi.
Desideriamo ardentemente qualcosa, non vediamo l’ora di ottenerla, ci promettiamo che “quando sarò arrivato lì allora sì che mi sentirò felice/festeggerò/mi concederò riposo….” ma quando l’abbiamo ottenuta cosa succede?

La nostra mente ne ridimensiona quasi inconsapevolmente l’importanza, minimizza sul risultato e passa subito all’obbiettivo successivo, alla prossima richiesta, ad una nuova salita da scalare.
Il risultato? Non ci ricarichiamo mai!

Se continui a chiedere a te stesso senza dare a te stesso ti prosciugherai.

La verità è che la gratitudine verso di teè un’ingrediente indispensabile per il successo di qualsiasi piccola e grande impresa.

Ad esempio: hai portato a termine quell’importante lavoro e adesso che lo hai concluso ti concedi un massaggio, oppure ti fai un regalo, o inviti a cena un’amico, o ancora – semplicemente – ti prendi una giornata per fare una cosa che ti piace tanto.

Sono tutti modi per esserti riconoscente del traguardo raggiunto.

Adesso che sai quanto è importante celebrare gli sforzi, puoi scegliere di uscire dall’insana abitudine socio-culturale del passare da un impegno al successivo e iniziare a fare per te stesso qualcosa di diverso: il regalo di festeggiarti ad ogni piccolo o grande successo!

Ed è proprio un REGALO, perché se ricontatti la gioia di dedicare tempo a celebrare i tuoi traguardi, otterrai anche i vantaggi indiretti di:

  • rafforzare la tua sicurezza interiore,
  • migliorare le emozioni tue e di chi ti circonda
  • dare un senso più profondo a ciò che fai
  • ….oltre all’evidente aumento delle tue energie sia fisiche che mentali.

Per aiutarti a far diventare questa nuova modalità un’abitudine puoi elencare almeno 10 modi in cui celebrarti e decidere di prendere ispirazione da questa lista ad ogni obiettivo raggiunto.

 

Per ricordartene, memorizza il principio di questo mese:

 

12° principio della Prosperità

 

“CELEBRARE 


 RIGENERA IL MIO FARE

 

Seguendo questo principio ti assicuri di avere sempre a disposizione le energie necessarie per ogni tuo progetto e, fatto non trascurabile, godrai di più del tuo viaggio!

 

Il mantra collegato al 11° principio è:

“IO, (tuo nome e cognome), CELEBRO OGNI PICCOLO E GRANDE TRAGUARDO”

 

Ripetilo almeno 10 volte al giorno, a voce alta, al mattino, al pomeriggio e alla sera, meglio guardandoti allo specchio.
E agisci di conseguenza, ricordandoti di dare valore ad ogni obiettivo raggiunto.


Ricorda: la dose di successo attualmente presente nella tua vita è il risultato esatto delle tue convinzioni profonde, quei pensieri – spesso inconsci – che hai accumulato nella tua vita dalla tua infanzia in poi.

Vuoi esplorare il tema dell’abbondanza, e capacità di generare successo in tutte le aree della tua vita (comprese quelle delle relazioni)?

Richiedici un incontro personalizzato di counseling nel quale ti indicheremo la strada più veloce per raggiungere i tuoi obiettivi.

Oppure puoi inziare ascoltando il nostro speciale audio “Prosperità”, la visualizzazione guidata che ti aiuta ad entrare in contatto con le tue parti più profonde e ad esplorare il tuo rapporto col denaro.

cd-copertina-6

Audio-visualizzazione “Prosperità” 
© ChAngel Marta Botteon e Martina Scarazzato

Contattaci per richiederci l’audio o un incontro di counseling!

Ti piacciono i nostri contenuti? Aiutaci a diffonderli!